Alti e bassi al Challenge Rimini

Domenica, 24 maggio, si è svolto il Challenge Rimini, quest'anno valevole anche come Campionato Europeo ETU su distanza media.

Pro Train era presente con 14 atleti!

Una giornata con meteo poco favorevole ha reso difficile le condizioni, soprattutto nelle prime due frazioni (nuoto e bici), che poi chiaramente sono anche andati a influenzare l'ultima, la corsa. Infatti i tempi totali quest'anno sono stati nettamente più alti, ma questo in uno sport svoltasi interamento outdoor fa parte del gioco. I riscontri cronometrici sono relativi.

Iniziamo con l'atleta elite, Martina, stavolta in veste della squadra nazionale italiana per appunto partecipare al Campionato Europeo elite. Marty ha concluso la gara all' ottimo 5. posto in 4:56.17. Dico ottimo, perché stiamo preparando l'Ironman Austria e gareggiare contro atlete più giovani e specialiste su distanza media in questa fase della preparazione non è certo facile. Ma Marty, nonostante dei crampi nella prima parte della corsa, ha fatto valere la sua esperienza e soprattutto ha tirato fuori grinta e forza mentale per dire ancora una volta la sua. Impressionante costanza!

Ecco gli altri risultati degli atleti pro train:

Nadia, finisher in 6:21.31. Lei ha fatto la gara in preparazione al Challenge Roth e ha assistito l'amica Nancy durante il nuoto, mostrando grande spirito di squadra e amicizia. Purtroppo Nancy è stata vittima delle strade bagnate e sporche (qualche critica all'organizzazione!!!) come parecchi  altri atleti ed è caduta, procurandosi per fortuna nessuna ferita, ma rompendo il cambio della bici, quindi gara finita per lei.
Sara, dopo l'esperienza molto positiva a Cagliari, non ha recuperato al 100% e ha avuto qualche problema sia nelle frazioni bici che corsa, comunque sempre finisher in 6.41.27. Sappiamo che è facile finire quando ci sentiamo bene, ma finire le gare dure è un'altra storia, brava Sara.
Barbara ha fatto una gara controllata nella sua frazione di punta, la bici, per cercare di correre una mezza costante. Ed è riuscita a eseguire questo piano alla perfezione, migliorando di ben 5' il suo tempo sulla corsa e finendo la gara in un buon 5.31.24 finale! 
Francesca ha finito in 5:59.42, al primo momento un po' delusa da questo crono finale. Ma analizzando la gara nei dettagli e cercando i motivi di qualche problema fisico, abbiamo capito che i fattori condizionanti erano diversi. Sicuramente Francy vale di più e lo mostrerà presto.
Alex ha partecipato alla sua seconda gara di triathlon in generale e il suo primo medio e si è gestito benissimo, 5:20.49 per lui e sono sicura ne ci farà vedere ancora delle belle in futuro. Avanti Alex a lavorare come lo hai fatto: con determinazione e curando bene il dettaglio.
Simone dopo due prime frazioni buone, durante la corsa ha avuto problemi di respirazione e ha dovuto camminare, questo ha chiaramente influenzato il risultato finale, 6:07.54. Forza Simone, hai mostrato che la crescita c'è, avanti alla prossima.
Stefano, finisher in 5:33.05, non è riuscito a cambiare ritmo come avrebbe voluto soprattutto nella corsa finale. Abbiamo fatto le doverose valutazioni e pensiamo già a Klagenfurt.
Anche Andrea non è riuscito a tenere il ritmo mezza maratona imposto prima, delle fitte a fegato e milza lo hanno rallentato notevolmente, comunque anche lui non ha mollato, finisher in 5:48.22.

Avevamo anche 4 atleti pro train in gara staffetta:

Antonella ha fatto il tratto bici in un buon 3:35.26, Emanuela la mezza maratona in 2:21.51, Davide ha pedalato in 3:04.40 e Emanuele corso in 1:27.30.

Complimenti a tutti, a quelli che hanno fatto delle ottime prestazioni e anche a quelli che nonostante vari problemi in una giornata di gara difficile non hanno mollato, anche questo o meglio, soprattutto questo, è motivo per essere fieri di se!

Tanja che doveva partecipare in un triathlon olimpico in Austria (che è stato cancellato per il meteo avverso), all'ultimo momento ha cercato una gara sostitutiva: una corsa di 8,24km finita in 38:15, correndo alla media di 4:39 su percorso vallonato. Ottimo allenamento!

Elena voleva sfruttare la GF 9 Colli per fare un allenamento lungo in bici, ma già dopo 36km si è rotto il cambio della bici. Fortunatamente è successo in salita, visto che si è bloccata la ruota posteriore e subito dopo Elena avrebbe affrontato una discesa. Per comunque sfruttare la giornata, e allenarsi, Elena ha poi fatto un' ora di corsa a piedi. Grande Elena, così si fa!



Martina da tanti anni sempre tra le prime posizioni: ottima 5. al Campionato Europeo distanza media a Rimini


Nadia sempre sorridente con una medaglia finisher


L'epigrafe che rappresenta pro train sempre con noi



Andrea con Matthia,  compagna di squadra 2M 


Barbara durante la corsa finale





Comments

Popular posts from this blog

Ironman Italy - Cervia

Valentina e Fabio benfatto!

Trisutto triathlon camps Playitas Resort