Monday, July 16, 2012

Gabi e Mary, le nostre "Ironwomen" ticinesi

Grande successo ieri all' IM Zurigo delle nostre due atlete ticinesi, Gabriella Picco e Mary Torre!

Gabi si é piazzata 2. nella sua categoria F45-49 con il tempo finale di 11:06.09. Con un tempo di 1:10.44 nei 3,8km di nuoto ha anche stabilito un nuovo personale, mentre in bici (condizioni meteo difficili con pioggia battente e addirittura grandine) con 5:46.48 si é avvicinata molto al suo personale del 2010 di 5:44.12. Un' infiammazione della bandelletta ileo-tibiale nelle ultime settimane ha impedito di poter preparare la maratona in modo ottimale e comunque Gabi ha corso in 4:03.59!!
Complimenti Gabi per la tua prestazione, hai mostrato grande forza mentale! Sei proprio una Ironwoman!

Per Mary invece si trattava della prima esperienza su questa distanza! Ma ha dimostrato di poter eseguire un piano in maniera meticolosa e con il sorriso sulle labbra ha finito in 12:36.24 (1:20.30-6:19.22-4:49.29). Questo tempo finale non solo le ha regalato il 4. posto nella categoria F55-59, ma anche la qualifica per l'Ironman delle Hawaii ad ottobre! Che esordio!!
Grande Mary, sei un' Ironwoman speciale!

E ancora una volta vi ringraziamo per le soddisfazioni che ci avete regalato, grazie donne!



photo credit: Veronique Mondin

Wednesday, July 11, 2012

IRONMEN in azione...







Lo scorso weekend avevamo in gara tre atleti pro train, e tutti e tre ci hanno date grande soddisfazione!
Stefano e Manuel hanno gareggiato all'IM Francoforte, mentre Hannes ha partecipato al Challenge Roth. Per Manuel si trattava della prima esperienza sulla distanza e con il tempo di 9:58.59 (1:05-5:18-3:24) ha fatto un esordio strepitoso!
Stefano e Hannes erano alla loro seconda partecipazione sulla distanza Ironman e con i tempi di 10:39.17 (1:15-5:28-3:45) e 11:04.28 (1:28-5:18-4:10) hanno mostrato di aver trasformato il lavoro svolto in un ottima prestazione!

Grazie ragazzi, buon recupero e poi.....avanti a tutta :-)

Friday, July 6, 2012

Luciano e l'IM Nizza...

Ecco il racconto di Luciano, che all'IM France a Nizza per un infortunio purtroppo non é riuscito a raccogliere quello che meritava! Ma come dice lui stesso...abbattersi mai...ora si recupera e avanti verso nuovi traguardi!  
Forza Luciano!

"Perseveranza, sacrificio, tensione, fatica. Quattro termini che raccontano il nostro sport, il triathlon! Non importa se sia sulla distanza super sprint o su quella ironman. Provi sul tuo corpo per un anno intero il significato di queste parole, a volte con soddisfazione, a volte con rammarico. L’ironman è una brutta bestia da affrontare, ma quando la batti ti regala emozioni fantastiche. Al contrario quando ti piega al suo volere, ti lascia l’amaro in bocca. Fortunatamente è una bestia che ti lascia possibilità di replica, e non ti condanna in primo grado. La cosa fastidiosa è quando non puoi fare la cosa che ti riesce meglio, quella per la quale hai cambiato il tuo stile di vita da sette anni a questa parte, letteralmente assuefandoti. La storia del 24 giugno a Nizza è una storia di sconfitta personale, proprio nella disciplina della corsa. Un infortunio ai tibiali una ventina di giorni prima della gara hanno sentenziato l’esito. L’idea la mattina stessa era quella di glissare la partenza, sedendosi a guardare uno spettacolo lungo sedici ore. Il lavoro però va sempre onorato. È come se dopo aver passato mesi con la trupe a girare un film, si evita nella serata di gala il passaggio sulla red carpet. Non si può proprio fare. È stato un modo per onorare il lavoro di Edith, i due Maurizio e Tomaso. E poi bisogna anche onorare la presenza dei grandi campioni come Martina, e dei fantastici amici e tifosi presenti sulla Promenade. La sentenza del cronometro all’uscita dal nuoto è stata devastante. Una quindicina di minuti al di sopra del tempo raggiunto in altre gare ha tolto ogni aspettativa dalla mia testa. In bici le gambe non se la sentivano proprio di svolgere il proprio dovere, nonostante la voglia di rilanciare e cambiare ritmo. C’è poco da fare, se la testa ti accompagna le gambe anche se affaticate rispondono agli ordini, ma se si perde anche quella, il motore è completamente fuori fase. La tensione e la paura di non riuscire a correre ha forse fatto da effetto placebo, impedendomi ogni tentativo di proseguire. A questo punto bisogna mettersi il cuore in pace e pensare alla salute, cercando di non aggravare i danni accumulati nei giorni precedenti. Un ritiro che puzza di sconfitta, anche se al mio naso si trasforma in profumo di vittoria. Si proprio di vittoria! Adesso serve riposarsi per recuperare e magari fare un passo indietro per poter prendere la rincorsa verso il prossimo evento. E poi c’è il mio cavallo legato alla staccionata che mi aspetta per ripartire verso nuovi traguardi. Oltre i muri e contro i venti!!! Sempre!"
Luciano insieme all'amica Martina Dogana, a Nizza sempre tra le primissime donne!

Wednesday, July 4, 2012

Grande soddisfazione all'IM Austria







Bellissima prestazione delle nostre due atlete Alessandra e Linda all'Ironman Austria! 

In una giornata caldissima, 38 C durante la maratona e, per la prima volta nella storia dell'IM Klagenfurt era persino proibito l'uso della muta, hanno fatto una gara molto regolare e sempre con il sorriso sulle labbra...

Linda si é piazzata al 6.posto W35-39 con il tempo di 11:08.23 (1:28.26-5:30.11-4:00.30) e 23.donna assoluta, mancando per poco addirittura la qualifica per l'IM delle Hawaii

Alessandra é arrivata 10. nella sua categoria W40-44 con il tempo di 12:30.24 (1:18.45-5:56.08-4.59.53), piazzandosi 78. donna assoluta.

Complimenti ancora ragazze e benvenute tra le "Ironwoman" :-)