Monday, May 22, 2017

Lanzarote, Barcelona, St. Pölten... hot spot racing!

Stavolta inizio da me e non dagli atleti: happy coach :-)

Questo fine settimana ha portato tante belle soddisfazioni in diverse gare in giro per il mondo e ha confermato che il lavoro duro e costante, paga!



Ironman Lanzarote:


Irene Coletto ha raccolto quello che ha seminato: in 11:08.43 è riuscita a salire sul podio F35-39 mostrando una gara condotta in maniera perfetta. Avevamo deciso di non gareggiare guardando i numeri del Garmin, ma fidandoci dell' ottima capacità di Irene di gestirsi a sensazione.
La più grande sorpresa è stato il nuoto, 1:08 per un atleta che un anno fa quasi non sapeva nuotare, è ottimo. Irene si è allenata tanto per arrivare a questo, i regali non esistono, tutto costruito su duro lavoro!
Bravissima Irene, sappiamo che questo tuo primo Ironman è soltanto l' inizio di una avventura che ti porterà lontano.


Valentina Leucari, F40-44,  dopo due anni di pausa dal triathlon, a novembre quando abbiamo ripreso da zero, ha faticato non poco a trovare ritmo. Ma dopo un camp al Playitas di Fuerteventura è andata in enorme progressione e in 7 mesi siamo arrivati a finire bene l' Ironman mas duro! 
Vale ha attraversato la finish line con il sorriso in 13:39.45 godendosi la gara e non subendola.
Questo era il nostro obiettivo, complimenti Vale per come ti sei gestita, un ispirazione!


Stefano Pavan, M45-49, un atleta forte e costante da tanti anni, questa stagione ha voluto cambiare e non più andare a Klagenfurt o Francoforte, ma a cercare nuovi limiti: Lanzarote!
Anche lui si è gestito molto bene in tutte le frazioni e soltanto qualche problema di integrazione nella seconda parte della maratona ha impedito un tempo sub 12 ore. 
Ma questo fa parte del gioco e lavoreremo per migliorare.
12:09.59 per lui e un esperienza nuova portata a casa.
Bravissimo Stefano perché sei sempre lì a combattere, non molli mai, da vero Ironman!



70.3 Barcelona:


Oriana Heer, dopo qualche dolore muscolare nel pre-gara, la causa dei quali non ci era chiara, ha superato se stessa: 5:16.40 e 2.posto F35-39. L' atleta svizzera sul percorso bike duro e tecnico ha mostrato tutta la sua potenza, segnando un tempo vicino a quello delle atlete professioniste. Ma Oriana ha anche corso molto bene e ora guardiamo con tanta fiducia verso il primo vero obiettivo della stagione: il Campionato europeo 70.3 a Elsinore a giugno.
Great job Oriana :-)


Jana Perrone, atleta giovane F25-29, ha finito questa gara impegnativa in 6:25.14. Dopo un nuoto forte in 33:37 si è gestita molto bene in bici, per poter correre la mezza maratona finale in maniera costante. Ma dei dolori nella parte alta del corpo le hanno impedito di forzare fino alla fine e quindi ha un po' tirato i remi in barca.
Brava Jana, sei una atleta-donna forte che non molla mai!


Massimo Argiolas, M50-54, ha deciso soltanto una decina di giorni fa di inserire Barcelona come un altra gara-test in vista dell' IM Austria che stiamo preparando.
Con 5:20.02 si è classificato all' 11. posto di categoria e questo ci ha confermato che la condizione è in crescita di gara in gara.
Prossimo obiettivo sarà il 70.3 Rapperswill e poi saremo pronti per Klagenfurt :-)



70.3 St. Pölten:


Mirco Pulici, M35-39, ha sofferto parecchio la giornata fredda e piovosa. Durante il nuoto e la bici non è riuscito a trovare il suo ritmo, proprio perché soffriva il freddo. Ma Mirco non ha mollato e durante la mezza maratona finale ha mostrato che la condizione c'è: 1:36.51 è un ottimo tempo!
Per lui un totale di 5:34.00, ma sappiamo che vale molto di meno.
Anche per lui prossimo obiettivo sarà Rapperswill, mentre ad agosto ci aspetta poi l' IM Copenhagen.
Bravo Mirco che non hai mollato e portato a casa questa gara.



Triathlon Sprint Milano:


Fabio Vassena (allenato da Irene) ha partecipato soltanto alla sua seconda gara di triathlon, ma con il tempo di 1:12.45 e piazzandosi al 25. posto della sua categoria M1, che ha visto oltre 150 atleti in gara, ha confermato l' ottima crescita che insieme ad Irene è riuscito a compiere in poco tempo.
Complimenti a voi due :-)



Triathlon Olimpico Milano:


Stefano Matalucci stavolta non ha gareggiato per se stesso, ma ha accompagnato 3 amici neofiti! Nella corsa finale dei 10km però voleva poi testare un po' la sua attuale condizione e ha corso alla media di 4:16/km!
Gran bella azione Stefano, motivante sicuramente non solo per te, ma soprattutto anche per i tuoi amici.
Il giorno dopo ha partecipato alla sua prima gara di nuoto, 1:14 e 2:51 rispettivamente nei 100m e 200m stile libero.
Un fine settimana fatto di passione cera per lo sport.



Giro Bike Sardegna:


Nadia Incerto il 21 maggio è partita per la sua avventura annuale di compiere un lungo tratto in bici insieme a un gruppo di amici.
Quest' anno fanno il giro della Sardegna e in 8 tappe compieranno 891km!
Forza Nadia, gli allenamenti sono stati fatti, ora arriva il momento del vero divertimento :-)


#inspire & #believe



Irene al rientro in T2 all' IM Lanzarote




Valentina durante la maratona all' IM Lanzarote




Massimo in azione a Barcelona




Eccellente 2. posto per Oriana a Barcelona




Jana durante la corsa al 70.3 Barcelona




Jana e Oriana a Barcelona, swiss powergirls!





Mirco dopo la fatica a St. Poelten





Monday, May 15, 2017

Johnnie ottimo 5. MPRO al 70.3 Mallorca

In questo fine settimana gli atleti pro train in gara erano sei, gareggiando in cinque gare diverse!


Iniziamo con Jonathan Ciavattella, atleta pro train da inizio marzo di questo' anno:

Johnnie, dopo il buon 3. posto al Chia Half Triathlon in Sardegna, ha gareggiato al 70.3 Mallorca, misurandosi con dei nomi di altissimo livello su questa distanza.
Dopo un nuoto in quinta posizione, Jonathan ha perso qualche piazzamento durante l' impegnativo percorso bici, per poi rimontare queste posizioni nella corsa finale, dimostrando così anche e la grinta e la forza mentale necessaria per combattere fino alla fine e ottenere il meglio!
4:10.15 per lui e 5. posto tra gli MPRO.
Johnnie da qualche mese non è più membro del gruppo sportivo dell' esercito e quindi si è dovuto riorganizzare per poter comunque continuare ad allenarsi ad altissimo livello.
Questo risultato è soltanto la prima prova che ne è riuscito e siamo convinti che potrà crescere notevolmente nelle prossime settimane.
Ottimo lavoro Jo!

David Galafassi ha gareggiato nel triathlon sprint di Novellara insieme a amici e per svolgere un' allenamento di alta intensità. Ne è uscito un 7. posto assoluto e un 1. posto M1!
Bravissimo David :-)

Andrea Cattabiani, ancora un fase di costruzione dopo l' intervento al ginocchio, ha partecipato al Ironlake del Mugello, distanza media, e con il tempo di 5:10.31 siamo soddisfatti con 2/3 della gara. Nell' ultima frazione Andrea ha sofferto ancora la distanza, ma fino agli obiettivi principali più avanti nella stagione, saremo lì dove vogliamo essere!
#believe Andrea!

Massimo Argiolas, come allenamento per il 70.3 Barcelona del 21maggio, ha gareggiato a casa sua, nella bellissima Sardegna. Al triathlon olimpico di Costa Rei si è classificato 3. M3 con buone sensazioni in tutte e tre le discipline e il giorno dopo ha subito svolto l' ultima sessione importante per la gara della prossima domenica.
Gran bel fine settimana di carico Massimo, siamo pronti per il 70.3!

Mariasole Ghidini e Marco De Leo hanno partecipato al 70.3 Pays d'Aix. Per entrambi doveva essere un ulteriore test verso il Campionato Europeo 70.3 a Elsinore a giugno.
Mariasole (allenata da Irene) ha finito la gara in 7:11.09, dosando le energie e gareggiando con "mente e cuore" tagliando la finish line divertita. Un' altra esperienza nel bagaglio, avanti alla prossima ;-)
Marco, dopo una settimana molto impegnativa al lavoro, ha mostrato un ottima condotta gara fino gli ultimi km della corsa, dove la fatica (e molto probabilmente anche la mancanza di ore di sonno..) si sono fatti sentire e il ritmo è calato un po'.
Nonostante ciò ha finito in 5:26.29 e non ho dubbi che Marco, arrivando un pò più riposato alla gara di Elsinore, possa poi tenere i ritmi fino all' ultimo km.
Benfatto ragazzi!





Johnnie al 5. posto MPRO al 70.3 Mallorca...




... e all' uscita dell' acqua




Massimo in gara all' olimpico di Costa Rei




David sul primo gradino M1 allo sprint di Novellara




Andrea in azione al Ironlake del Mugello




Mariasole e Marco, raccolte altre medaglie finisher e esperienze 70.3 









Monday, May 8, 2017

Rimini, Candia, Caldaro ...

Ora anche la stagione di triathlon su territorio nazionale sta per partire alla grande! Tutti i weekend possiamo scegliere tra gare su distanze diverse, sia per raccogliere già dei risultati importanti, sia per testare la condizione attuale!

Questo fine settimana avevamo 6 atleti in gara, 3 di questi (Anna, Nicola e Stefano) sono seguiti da coach Irene, ecco il suo resoconto:



Challenge Rimini:

Anna Franchini ha partecipato al Challenge di Rimini chiudendo con un tempo di 6:37.43 e registrando il PB, ha abbassato, infatti, di 1ora il tempo gara rispetto al precedente anno. E’ arrivata 7° della sua categoria M3 (50-54).
Per Anna questa è stata una prova per prendere atto dei notevoli miglioramenti fatti nel periodo invernale e senza dubbio il risultato ha detto la sua. Complimenti Anna continua a nutrire quella voglia di esplodere di cui mi parlavi poco prima della competizione! 
Veramente ottima gara!

Nicole Sforza: anche lui ha preso parte al Challenge di Rimini purtroppo però non è riuscito a completare la gara.
Nicola pur avendo affrontato una serie di problemi fisici nell’arco della stagione invernale ha sempre cercato di portare a termine gli allenamenti con grande forza, credendo in ciò che stava facendo e con una grande positività.
Da qualche giorno era in balia di dolori al collo e alla schiena, dopo un difficile nuoto ed una bici sofferta, saggiamente ha deciso di fermarsi per salvaguardare la salute ed i prossimi obiettivi.


Sono orgogliosa della tua condotta. Ora pensa solo a recuperare lo stato di forma. Nulla è perso e…continua a sognare atleta!


Triathlon Olimpico Caldaro:

Stefano Curzio: sabato ha preso parte all’Olimpico di Caldaro giocando in casa! E’ arrivato 44° della sua categoria M3 con un tempo complessivo di 2h 38’ 20’’
Stefano nonostante qualche risentimento ad un ginocchio, proprio qualche giorno prima della gara, è riuscito comunque a completarla! Dopo una frazione natatoria molto veloce, che mostra un netto miglioramento, Stefano ha sofferto il secondo giro bici e la frazione finale della corsa. Individuiamo la causa della fatica e si riparte. Sappiamo che la forma c’è!
Forza Stefano bravissimo, avanti verso i prossimi obiettivi! 





Triathlon medio Candia:

Alina Losurdo, con 4:53.37 si è classificata al 3. posto S3 e 11. assoluta. Nettamente migliorata all' anno scorso, soprattutto anche nella gestione mentale del freddo, sia in acqua che fuori. In bici ha fatto segnare uno dei migliori parziali assoluti e la tenuta  piedi poi era comunque molto buona.
Questa gara serviva come ulteriore test e verifica della condizione per il Challenge Samorin Championship, che si svolgerà il 3 giugno.
La forma c'è, la testa anche...qualche rifinitura e possiamo mirare a un ottima gara a Samorin.
Brava Alina!

Emanuele Mutti è arrivato al 5.posto S2 segnando 4:18.06. Gara sofferta anche per lui per il freddo (Manu è molto magro...), ma nonostante ciò è riuscito a esprimersi molto bene in tutte le frazioni. Era il suo primo triathlon quest' anno e ci ha dato conferma che la crescita corrisponde alla programmazione. 
Avanti Emanuele, a settembre ti aspetta tuo primo Ironman :-)

Diego Ludovici, nonostante una penalità di 5' (conoscendo Diego da tanti anni so che non è un atleta che va a cercare la scia...ma a volte le circostanze sono davvero difficile da valutare e quindi ce lo teniamo) ha concluso in 4:08.49 e al 7. posto S4.
Quest' anno Diego ha fatto un grande salto in termini di gestione delle gare, riesce a spingere forte in bici, ma non troppo, per poi esprimere tutto il suo valore anche a piedi.
Questa è la ricetta giusta Diego, lavoriamo ancora in questa direzione!
Complimenti!


#inspire & #believe



Anna e Nicola, soddisfatti a Rimini


Stefano a Caldaro


Emanuele e Diego a Candia